I 9 punti dei nostro programma, nella loro interezza.


1. CONTINUITÀ.

Molti componenti di “IdeeProgetti” hanno fatto parte del precedente Consiglio: è con lo stesso impegno, entusiasmo e passione che vogliamo, insieme a nuove Colleghe e Colleghi, continuare a lavorare e migliorare il lavoro svolto.

Abbiamo fatto tanto, vogliamo fare di più!


2. VALORIZZAZIONE.

A 30 anni dalla promulgazione della Legge 56/89, che riconosceva istituzionalmente e definiva i confini della nostra figura professionale, siamo convinti che la nostra professione debba mantenere e valorizzare la propria specificità e differenziazione rispetto ad altri settori professionali, senza tuttavia rinunciare a un’ottica di collaborazione e integrazione multidisciplinare.

Questo obiettivo può essere raggiunto rafforzando l’identità professionale, che fonda le proprie radici in una disciplina che si muove entro paradigmi scientifici ormai consolidati.

Crediamo nella Psicologia delle risorse e non solo delle fragilità.


3. TUTELA.

Alla luce delle nuove normative (vedi LEA; Decreto Calabria, L.60/19; Farmacia dei Servizi, L.205/17; Linee guida per le attività di Pronto Soccorso; Piano Nazionale Cronicità; accordi tra CNOP e Ministero dell’Istruzione, etc)intendiamo proporre, in diverse sedi istituzionali, l’apertura di ulteriori tavoli tecnici per promuovere una presenza significativa dello psicologo nei contesti educativi, socio-sanitari, organizzativi.

Ci adopereremo per vigilare sul turnover dei Dirigenti psicologi del SSN, dal momento che il numero dei professionisti nel pubblico è inadeguato rispetto ai bisogni psicologici emergenti.

Vigileremo, come già fatto nel precedente Consiglio, sulla correttezza da parte di Amministrazioni pubbliche e private nell’espletamento di Bandi e Concorsi per Psicologi, per fare in modo che vengano proposti compensi adeguati alle competenze richieste e  sia assicurata la presenza di psicologi nelle Commissioni di valutazione dei candidati.

Continueremo a contrastare inoltre le logiche delle esternalizzazioni delle prestazioni psicologiche, che abbassano la qualità degli interventi professionali rivolti agli utenti del SSR e creano forti divari salariali tra colleghi strutturati ed esterni alle ASL.

Continueremo a contrastare l’abuso della professione, tutelando e promuovendo le competenze professionali dello psicologo. Vogliamo infatti vigilare affinché gli ambiti di intervento dello psicologo che opera per la promozione del benessere non vengano impropriamente occupati da altre figure che non possiedono le competenze necessarie, con conseguente ricaduta negativa sui loro clienti e sulla credibilità della psicologia.

Vogliamo tutelare la professione, per un suo ruolo più protagonista.


4. TRASPARENZA.

Riteniamo che la comunità degli psicologi liguri debba essere informata ed aggiornata rispetto ai progetti, alle modalità della loro attuazione e ai risultati ottenuti, oltre che dei criteri che definiscono l’allocazione delle risorse finanziarie disponibili per le attività promosse dall’Ordine.

Siamo stati e vogliamo continuare ad essere trasparenti.


5. PROMOZIONE DELLA PROFESSIONE.

Ci impegneremo a promuovere:

  • contatti con ambiti e contesti occupazionali in cui i Colleghi più giovani possano trovare possibilità di inserimento (scuola, ospedali, terzo settore, comunità)
  • partecipazione a tavoli tecnici (Patto per la Salute, Post-emergenze, progetti MIUR sul benessere a scuola, DSA) con le istituzioni territoriali (Regione, Ufficio scolastico regionale, ASL)
  • raccordo con le realtà imprenditoriali del territorio per potenziare collaborazioni e sinergie
  • applicazione di protocolli di intesa con Enti e organizzazioni (p.e. “Protocollo d’intesa per la promozione del benessere psicologico dei cittadini” con ANCI – Associazione Nazionale Comuni Italiani), utili a promuovere l’inserimento professionale dello psicologo negli interventi rivolti alle comunità territoriali
  • relazioni con le Associazioni Sindacali per sollecitare la tutela degli iscritti
  • relazioni con le Società scientifiche di settore per definire linee guida per la partecipazione ai tavoli tecnici con gli Enti pubblici
  • rafforzamento dei ruoli dirigenziali degli psicologi nelle ASL (Strutture di Psicologia) e ampliamento della Specialistica convenzionata
  • attivazione di reti tra Colleghi che operano nei diversi settori (del pubblico e del privato) dove la Psicologia trova applicazione
  • ricerca di finanziamenti per l’attivazione di sperimentazioni sui nuovi ruoli dello Psicologo (Psicologo delle cure primarie, Psicologo in Farmacia, ecc.), anche attraverso ricerca di finanziamenti in crowfounding e sinergia con Regione Liguria e Associazioni di categoria quali FederFarma ed Enti Pubblici (ATS, Fondazioni, ecc.)
  • professional branding attraverso specifiche azioni di comunicazione online e offline
  • eventi rivolti alla cittadinanza come la Giornata della Psicologia, 360° di Benessere, Festival della Scienza, Salone dell’Orientamento, ecc.

Ci caratterizza l’entusiasmo e l’impegno per consolidare e creare concrete opportunità professionali.


6. SERVIZI AGLI ISCRITTI.

Riteniamo fondamentale dare continuità a servizi già attivati (Sportello di consulenza sulla deontologia professionale; accoglienza e informazione ai neo-iscritti; incontri su temi di fiscalità e di gestione amministrativa della professione) e crearne di nuovi, in base alla rilevazione di nuovi bisogni degli Iscritti. In particolare, vogliamo potenziare le attività di professional branding e orientamento al lavoro, specialmente in ambiti occupazionali emergenti.

Vogliamo prenderci cura degli iscritti.


7. INFORMAZIONE E PARTECIPAZIONE.

Riteniamo fondamentale garantire la continuità dell’informazione sui progetti attivati attraverso il sito ufficiale e tramite i Social Network (pagina Facebook, Linkedin, etc), al fine di implementare la connessione e promuovere le sinergie tra colleghi.

A questa azione di informazione affiancheremo la predisposizione di momenti di confronto e scambio con gli Iscritti, al fine di valorizzare i contributi che ciascun iscritto può apportare al buon funzionamento dell’Ordine.

In questa prospettiva prevediamo di dare continuità e di potenziare i Gruppi di lavoro, che hanno contribuito in questi anni a far crescere lo scambio e il confronto tra colleghi e a rendere la professione sempre più visibile all’esterno.

Sul versante dell’informazione ai cittadini, organizzeremo eventi e diffonderemo materiali informativi per promuovere la conoscenza del ruolo e delle attività dello psicologo come risorsa competente al servizio della salute del cittadino e della comunità. In questa prospettiva, implementeremo la comunicazione attraverso i media.

Crediamo nel valore dell’informazione, della partecipazione e del confronto.


8. FORMAZIONE.

Vogliamo potenziare la collaborazione con l’Università (Comitato di Indirizzo, Commissione Tirocini e Laboratori), per definire percorsi formativi coerenti con i nuovi bisogni di salute della popolazione e per progettare l’offerta di attività che consentano un maggiore collegamento tra teoria ed esperienze pratiche.

Intendiamo programmare eventi di formazione (accreditandoci come provider) che rispondano all’esigenza dei colleghi di assolvere l’obbligo formativo previsto dalla normativa di riferimento (ECM-…), cui dal 2020 dovranno sottostare anche i liberi professionisti.

Promuoveremo azioni di facilitazione con Enti Pubblici e Privati per il convenzionamento con le Scuole di specializzazione in Psicoterapia, al fine di consentire agli specializzandi di effettuare i tirocini necessari al conseguimento dell’abilitazione.

Realizzeremo seminari con relatori autorevoli in diversi ambiti della disciplina, a livello nazionale e internazionale. Per consentire la partecipazione di tutti gli interessati, continueremo a utilizzare lo streaming.

Solleciteremo la realizzazione di progetti di formazione tra pari, per la condivisione dei saperi.

Vogliamo continuare ad investire nella formazione di qualità.


9. RICERCA.

Ci impegneremo a promuovere e valorizzare la ricerca psicologica per diffondere una maggiore cultura sul valore e l’efficacia degli interventi psicologici, anche attraverso la realizzazione di una ricerca sugli esiti degli interventi, in collaborazione con gli Enti del territorio e i liberi professionisti interessati.

Sosteniamo progetti di ricerca per rafforzare la scientificità della professione.